FANDOM


Corri.


Lui è lì. Dietro di te. Non lo vedi. Ma lo sai che è lì. Lo sai che ti prenderà. Si muove rapido e silenzioso e sai anche che potrebbe ucciderti in ogni momento. Eppure ti lascia correre. Si prende gioco di te. Come il gatto col topo. La sua morsa si chiude lentamente attorno a te, che neppure te ne accorgi. Che preda stupida. Sai benissimo che più correrai, più in fretta perderai la strada e più in fretta arriverà la tua morte. Disperazione. Ne senti l’odore? È inebriante, come una droga, una volta assaggiata ne vuoi ancora. E lui la vuole. Tutta. Corri, corri. Lui è lì. È sempre lì. La testa inizia a farti male. Un ronzio fastidioso ti provoca stilettate ai timpani. Non guardare indietro. Sai che se ci provassi moriresti all'istante. E allora corri. Coraggio. Chiudi gli occhi. E quando li riaprirai…

Sarai. Già. Morto.

Racconto appartenente a: EFP