FANDOM


La gente a malapena si avventurava nel territorio da quando il clima aveva iniziato a farsi più rigido, così annoiato il "cane da guardia" stava sorvegliando il prato di Slender. Non era biologicamente un cane, ma si era guadagnata quel titolo perché sorvegliava il perimetro strisciando a quattro zampe ed era nota per i suoi attacchi aerei. Indossava una felpa di un rosso sbiadito, con un cappuccio ridotto quasi a brandelli; le maniche erano arrotolate in su, rivelando le ferite auto-inflitte che erano guarite e a loro testimonianza ne erano rimaste le cicatrici. Aveva un fazzoletto grigio avvolto attorno al collo con il simbolo dell’Operatore impresso sopra; che stava a significare che era davvero un fantoccio di carne nelle mani dell’uomo alto.



Indossava anche un paio di pantaloni beige scuro, calzava un paio di stivali neri e pensanti da combattimento e una maschera raccapricciante con dei ossessivi simboli. I suoi vuoti occhi neri, il suo ampio e criptico sorriso e le macchie di sangue rattrappito su di essa appartenenti alla sua precedente vittima, riuscivano a incutere terrore nel cuore di chiunque fosse stato ancora sano di mente. Uno dei suoi caratteri distintivi erano i suoi guanti, le cui estremità terminavano con artigli di metallo ricurvi e appuntiti alla fine di ogni dito. Tutte queste caratteristiche facevano di lei ciò che era: una proxy di Slenderman.



Rouge attraversò il sottobosco, portando via i resti umani in decomposizione sparsi in giro qua e là, e su cui aveva iniziato a crescere del muschio e poi, col rumore dei suoi pesanti stivali che accompagnavo ogni suo passo, si inoltrò in mezzo un fitto banco di nebbia. Sapeva che quel giorno non ci sarebbe stata nessuna caccia.



Nessun umano sano di mente avrebbe mai pensato di fare un’escursione nei boschi così presto; per l’amor del cielo era da poco l’alba! La proxy mascherata sembrò non aver trovato nulla di interessante da fare nel frattempo. Gli altri stavano ancora dormendo e lei era già in servizio a sorvegliare il terreno che avevano reclamato. Si arrampicò fino alla cima di un albero e trovò un ramo abbastanza robusto su cui appostarsi, mentre teneva sotto controllo dall’alto la zona.



Mentre il cielo si schiariva e il sole sorgeva all’orizzonte, iniziò a sentirsi più vita nella foresta. Non era solo per il frinire delle cicale, ma per l’inconfondibile voce di un essere umano.



«No, non ho ancora trovato Greg, cara. Ci sto provando! I poliziotti non stanno facendo molto e mi sentirò un padre terribile se non faccio qualcosa… sono passate tre settimane Kayla!». A giudicare dal timbro della voce doveva trattarsi di un maschio adulto.



Finalmente! Dopo settimane di attesa che arrivasse qualcosa che valeva la pena predare, Rouge si mise a sedere in posizione, affondando gli artigli di metallo nel ramo mentre prestava attentamente ascolto per capire da dove provenisse il rumore. Una volta che localizzò la fonte, già non era più lì; saltò dalla cima di un albero all’altra, emettendo un verso acuto come fosse il pianto di un coyote.



Una volta che ebbe catturato l’attenzione dell’uomo di mezza età che stava parlando al telefono, gli schiamazzi di Rouge cessarono, ridacchiando un’ultima volta prima di spostarsi tra le cime degli alberi, di ramo in ramo, provocando un continuo frusciare di foglie a causa dei suoi spostamenti. Continuò a giocare con la sua vittima.



Vedendolo abbastanza impaurito questo la incoraggiò a continuare a tormentarlo. Mentre si spostava di albero in albero, diede inizio alla caccia con i suoi versi animaleschi che avevano iniziato a far correre dei brividi lungo la schiena a quell’uomo.



«T-ti richiamo dopo cara…» Balbettò, mentre pigiava il tasto per chiudere la chiamata e si lasciò cadere il telefono perché gli tremava la mano, cercando di raccogliere abbastanza coraggio per mettere insieme una frase di senso compiuto.



«G – Greg? Gregory?...» Mormorò pateticamente, sperando che fosse la persona cara che aveva perduto.



Non sapeva che suo figlio era stata una vittima dell’uomo alto. Dopo aver giocato per un po’ con la sua debolezza, si fermò su un ramo proprio sopra di lui, incombendo sulla sua testa e fissandolo coi suoi vuoti occhi neri. Poteva sentire il suono ovattato del suo respiro pesante provenire da lui. Il sorriso criptico e malizioso impresso sulla maschera macchiata di sangue, sembrò farsi più grande sul volto del predatore.



«Non guardare in alto… o te ne pentirai…» Disse, picchiando la punta del dito artigliato contro la corteccia di legno, prima di scavare un buco con le unghie, facendo fuoriuscire la linfa dall’albero e far cadere apposta una goccia sulla testa dell’uomo.



Il pericolo era più grande di qualsiasi altra cosa che l’uomo avesse mai visto in vita sua. I raccapriccianti simboli sulla maschera facevano sembrare quella creatura ancora più disumana. Lui iniziò a strillare e a balbettare quando vide l’orrore che si trovava davanti a lui. Rouge si precipitò dal ramo sopra di lui, picchiando contro la sua schiena e facendolo cadere sulle ginocchia e sempre standogli a cavallo, con i suoi artigli aveva iniziato a tagliare la sua faccia, aprendo la carne come fosse fatta di burro e gli torse le braccia finché queste ultime non si ruppero.



L’uomo indifeso aveva iniziato a ululare dal dolore, mentre cercava disperatamente di scrollarsi il proxy di dosso, ma senza alcun risultato. Lei lo aveva immobilizzato e gli stava letteralmente facendo a pezzi la faccia. I suoi lamenti erano musica per le sue orecchie, mentre lei cercava di penetrare con la punta dell’artiglio nella sua cavità oculare, agganciando il bulbo, per poi strapparlo e gettalo via; ripetendo lo stesso brutale procedimento anche sull’altro occhio. Ha continuato la sua tortura finché lui non aveva esalato il suo ultimo e agghiacciante grido che aveva echeggiato per tutta la foresta.



«Non ti saresti dovuto avventurare qui, straniero.»



L’assassino rise di gusto mentre il corpo dell’uomo sfigurato giaceva sopra una pozza di liquido cremisi. 
261px-Imaginary by pina coladas.jpeg






Traduzione appartenente a Schrodinger's Cat

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale